Sélectionner une page

Serie di incontri: “L’archeologia racconta il paese di Varese”

giovedi 3 Febbraio 2022 – giovedi 17 Febbraio 2022

dimora: Archeologistics (Online).

La vera esplorazione e dall’altra parte la apparenza. Lo dimostra la paese di Varese affinche negli ultimi anni e stata argomento di un’intensa operosita di studio archeologica. Sono emersi nuovi elementi capaci di riportare una vicenda attualmente sconosciuta e, in certi aspetti, seducente per capire le radici di un regione. Archeologistics, oggettivita varesina impegnata nella valorizzazione culturale, apre il 2022 presentando le ultime scoperte perche hanno affascinato il luogo di Varese.

Dal 3 al 17 febbraio, a causa di tre giovedi, con tre incontri online (contro spianata Zoom alle 20.45), l’attenzione si focalizza riguardo a tre luoghi particolari: l’isolino Virginia, precisamente averi Unesco e edificio di importanza archeologico e botanico; il zona di Azzio al recinzione mediante la Svizzera e il comune di Arcisate mediante la sua chiesa. Ad dire le ultime scoperte, gli archeologi, archeobotanici e gli antropologi che hanno estratto e affettato quanto e ceto rinvenuto. Dalle loro voci si servizio incontri white site potra comprendere in anteprima i segreti di un proprieta stupefacente e in certi versi sorprendente, per ceto di riportare una storia affinche va sopra voragine e si allunga nel periodo.

“Siamo liete di concedere spazio alla tono di colleghi e colleghe giacche lavorano comunemente sui reperti del varesotto – spiega Emanuela Sguazza di Archeologistics -. Pensiamo giacche il loro faccenda di ricerca non debba fermarsi attrezzo di dialogo solitario per mezzo di i professionisti della insegnamento, tuttavia abbia un visibile e ordinario attrattiva e per tutta la comunita dei cittadini, in quanto puo in codesto atteggiamento custodire urra la memoria della propria pretesto e soddisfacentemente sentire i motivi affinche hanno condotto l’evoluzione del loro paese con una certa direzione”.

Giovedi 3 febbraio, il primo incontro e apposito alle “Chiese nascoste di Arcisate”. Complesso mediante Alessandro D’Alfonso, archeologo per mezzo di un’esperienza decennale esperto mediante contesti medievali giacche ha appunto effettuato sopra provincia di Varese a Vizzola Ticino, Gallarate e Samarate, si andra alla rinvenimento dei rinvenimenti fatti ad Arcisate. Ora, nello spazio di i lavori di rifacimento della chiesa di San Vittore eroe, cosicche ha festeggiato particolare nel 2021 i 500 anni della sua costruzione, sono emersi i resti dell’antica chiesa antiquato e di una trentina di tombe “a camera” giacche hanno rivelato una scusa ben piuttosto lontana e millenaria.

Giovedi 10 febbraio, insieme il seguente convegno l’attenzione si rivolge all’Isolino Virginia. L’incontro dal diritto “Uomini e piante dal passato” permettera di comprendere maniera l’uomo del Neolitico abbia usato le risorse ambientali del sede, quali frutti edibili e quali alberi di apice fusto abbai adoperato. Barbara Cermesoni e Mauro Rottoli guideranno alla rinvenimento dei segreti con l’aggiunta di profondi che l’unica rifugio del gora di Varese continua scrupolosamente per preservare. Cermesoni, in precedenza conservatrice del comunale museo di canna, e al giorno d’oggi conservatrice archeologa vicino il Museo urbano di borgo Mirabello a Varese. Rottoli invece e insegnante a contratto presso l’corporazione di Trento (consiglio di Botanica comune in la idoneita di ricchezze Culturali) e ha condotto studi sopra materiali archeobotanici e tessili da siti italiani ed esteri (Libia, Siria, Israele e Sudan. E per di piu ideatore ovverosia co-autore di dall’altra parte 250 pubblicazioni.

Giovedi 17 febbraio, la ambiente si sposta al margine insieme la Svizzera per mezzo di l’incontro “La bioarcheologia per Varese”. Azzio, abituale della Valcuvia, e situazione oggetto di studi dell’politecnico dell’Insubria: sono stati analizzati i reperti osteologici ritrovati a causa di un paragone unitamente estranei casi quali San Biagio a Cittiglio e la chiesa di Sant’Agostino con cimitero a Caravate. Con un cammino nella storia della cittadina di Varese si andra alla ritrovamento delle persone giacche nell’ultimo millennio hanno agglomerato il ambiente. Le guide di presente giro saranno Marta Licata, Barbara Fusco, Chiara asserzione e Omar Larentis: sono il team di ricercatori del dipartimento di Biotecnologie e Scienze della vitalita dell’politecnico dell’Insubria e in quanto si occupano dello ateneo di gran parte dei reperti scheletrici provenienti da schema archeologico del ambiente varesino.

Gli appuntamenti si svolgono sulla basamento Zoom alle 20.45. Ogni incontro ha una durata di 60 minuti intorno a, sforzo 7 euro.